Cina: censura e aggressioni ai giornalisti occidentali

cina

In un clima di grande tensione, amplificato dalle rivelazioni pubblicate in tutto il mondo sullo scandalo dei paradisi fiscali che ha coinvolto l’elite e il governo cinese, si è aperto oggi a Pechino il processo a Xu Zhinyong (nella foto), uno dei più noti attivisti per i diritti umani e fondatore del Nuovo Movimento dei Cittadini. E’ accusato di aver “radunato una folla per disturbare l’ordine pubblico” e da anni si batte per una maggiore democrazia nella leadership del Paese, una mobilitazione civica contro la corruzione e la trasparenza sul patrimonio degli alti funzionari pubblici. Considerato un dissidente e arrestato nel luglio 2013, rischia fino a 5 anni di reclusione. Attorno al tribunale da questa mattina erano schierati decine di poliziotti in uniforme o in abiti civili che vietavano ai giornalisti di avvicinarsi all’edificio. All’udienza non è stata ammessa la stampa estera e ai diplomatici presenti è stato concesso di entrare in tribunale, ma non di seguire il processo in aula. Il corrispondente della Cnn, David Mckenzie, ha scritto su Twitter di essere stato “ammanettato, arrestato, e di aver avuto tutta l’attrezzatura rotta” nei pressi del tribunale. Anche Mark Stone di Sky e Martin Patience della Bbc hanno dichiarato di essere stati aggrediti. (…)  La Cina ha bloccato i siti di Le Monde, The Guardian, Süddeutsche Zeitung, El Pais che hanno dato spazio e collaborato all’inchiesta. fonte

Bisogna ricordare che la Cina è al 173 posto su 179 nella graduatoria della libertà di stampa. Basti pensare che sono addirittura 100 gli operatori dell’informazione attualmente in carcere: 30 sono giornalisti (tra cui i direttori di due quotidiani liberi, Xiong Xiong e Yang Kairan) , 70 sono bloggers. Il presidente Xi ha una vera ossessione nel controllare i media, considerati nemici del Partito Comunista. A tal punto che una recente legge ha stabilito per tutti i nuovi reporter di studiare a fondo il marxismo. Non ci sono morti in Cina, ma tanti prigionieri.    

Questa voce è stata pubblicata in cina. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...