La giornalista olandese rapita in Yemen: “Ci uccideranno tra dieci giorni”

yemen

“Avete dieci giorni per fare qualcosa, poi ci uccideranno”. La giornalista olandese Judith Spiegel e il compagno Boudewijn Berendsen – rapiti da uomini armati ad inizio giugno fuori dalla loro abitazione ad Hadda (Sana’a) nello Yemen – supplicano il governo olandese di intervenire, soddisfacendo le richieste dei sequestratori (già comunicate all’ambasciatore olandese nello Yemen). Il video appello è stato diffuso via Youtube il 13 luglio, anche se non si può risalire con certezza alla data di registrazione. Judith Spiegel lavora e ha lavorato per diversi media olandesi, tra cui Nederlandse Radio, De Standaard, il canale Vrt, NRC Handelsblad, Nos e la trasmissione radiofonica Bureau Buitenland, ed è una docente della Lebanese International University di Sana’a.  Il video

Questa voce è stata pubblicata in yemen. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...