La signora dello scoop

È la giornalista televisiva più famosa d´America, ha intervistato re, dittatori, presidenti, stelle di Hollywood (la sua specialità), i Vip fanno a gara per essere nei suoi talk-show. È un po´ l´essenza di quel “personality journalism” che fa storcere il naso ai puristi dell´informazione ma che rende popolare (e milionario) chi sfonda. Ai sui critici Barbara Jill Walters ha sempre risposto colpo su colpo, forte dei suoi successi, del suo carisma e di una buona dose di arroganza. Ma ieri ha dovuto chiedere scusa, fare pubblica ammenda. Quando nel dicembre 2011 la Walters intervistò in esclusiva a Damasco il dittatore siriano Bashar Al Assad, lo scoop tenne banco per giorni. La rivolta popolare contro il sanguinoso regime era in corso da tempo e le parole di Assad, che negava torture e uccisioni di fronte alle domande (non certo in ginocchio) della star televisiva, finirono sui media di tutto il mondo e diventarono un tormentone sulla rete. (…) Il problema è iniziato dopo. Quando qualcuno, che faceva parte del cerchio magico di Assad ed è poi passato con gli oppositori, ha fatto arrivare al Telegraph di Londra una serie di e-mail che la Walters ha scambiato con Sheherazad Jaafari, la figlia ventiduenne dell´ambasciatore siriano alle Nazioni Unite che, guarda caso, era anche media advisor del dittatore di Damasco. E che chiese alla giornalista, in cambio del ruolo avuto per fargli intervistare Assad, un aiuto per entrare in qualche tv Usa o perlomeno alla prestigiosa Columbia School of Journalism. (…) Che sia andata a buon fine o meno, la preziosa raccomandazione ha finito per ritorcersi contro la star televisiva. Che una volta scoperta è stata costretta a fare qualcosa che non avrebbe voluto mai, chiedere scusa pubblicamente: «Mi sono offerta di aiutarla nel contattare alcune organizzazioni giornalistiche e dell´accademia, nonostante lei non sia riuscita ad ottenere un lavoro. Ripensandoci, capisco che tutto ciò ha creato un conflitto e mi pento di averlo fatto».  segue

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...