Venti giorni di carcere a una cronista. Succede in Italia

Aveva pubblicato soltanto la notizia che il giudice aveva disposto un incidente probatorio nell’ambito di un’inchiesta su presunti abusi sessuali su due sorelline di 12 e 14 anni, ipotizzando che le indagini potessero coinvolgere altre persone. Nessun nome, nessuna dichiarazione, nessuna intercettazione. Ma per quella che il giudice ha ritenuto essere un favoreggiamento Giulia Martorana, giornalista pubblicista di Enna, corrispondente dell’agenzia Agi e del quotidiano “La Sicilia” è stata condannata a venti giorni di carcere, con la sospensione condizionale della pena, per non aver voluto rivelare al giudice la fonte della notizia. La notizia incriminata è del 2 settembre 2008, quando l’inchiesta aperta dalla Procura di Enna aveva già portato all’arresto di un anziano, ritenuto il molestatore delle sue piccole vittime. La giornalista si era limitata a dare notizia dell’avvenuto incidente probatorio senza riportare alcuna indiscrezione sulle dichiarazioni delle due ragazzine ma ipotizzando che vi potesse essere il coinvolgimento di altre persone. Convocata prima in questura e poi in Procura, Giulia Martorana si è sempre rifiutata di rivelare la fonte della sua notizia. Così come aveva già fatto in precedenza per un’altra inchiesta a suo carico, ancora per favoreggiamento, relativa questa volta alla pubblicazione di un articolo su un fatto di cronaca nera, l’identificazione di un cadavere carbonizzato ritrovato nelle campagne di Piazza Armerina. segue

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...