Anche una giornalista sudamericana fra le presunte spie russe arrestate a New York

Una delle presunte spie russe arrestate negli Stati Uniti, Juan Lazaro, ha ammesso di avere lavorato per il governo di Mosca. Come indicano le tv all news americane, citando fonti giudiziarie, Lazaro lo avrebbe dichiarato durante un interrogatorio, il 27 giugno. L’uomo, che viveva alle porte di New York insieme con Vicky Pelaez, una giornalista anche lei arrestata con la stessa accusa, ha tra l’altro ammesso che Lazaro non è il suo vero nome, di non essere di nazionalità uruguayana e che la sua casa è stata pagata dall’intelligence russa. Vicky Pelaez, 55 anni, di origini peruviane è da oltre 20 anni giornalista di ‘El Diario/La Prensa’ (Edlp), il quotidiano in lingua spagnola di New York.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...