Una vergogna

16 agosto 2006

Sono stati incriminati per istigazione al suicidio i membri di una troupe televisiva indiana che, ansiosi di effettuare riprese-shock da mostrare poi sullo schermo, hanno indotto un manifestante a darsi fuoco, fornendogli persino nafta e fiammiferi per appiccare le fiamme. Lo riferisce il quotidiano in lingua inglese «The Indian Express», secondo cui la vittima, Manoj Mishra, stava inscenando una protesta davanti agli uffici di un caseificio di proprietà pubblica per il quale lavornello Stato orientale del Bihar: reclamava il pagamento di stipendi arretrati per 200.000 rupie, meno di 4.000 euro. Nessuno era però lì ad ascoltarlo, giacchè lo stabilimento era chiuso per una festività nazionale. I giornalisti lo hanno infine convinto a immolarsi, e hanno filmato l’intera scena senza minimamente preoccuparsi di aiutarlo. L’uomo ha subito ustioni sul 90% della superficie corporea, ed è morto poco dopo il ricoverso al pronto soccorso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in india. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...